Parkinson e popolazioni neuronali

La malattia di Parkinson (PD) è ben nota come una malattia debilitante che peggiora gradualmente nel tempo. Un nuovo studio individua 2 popolazioni neuronali associate ai sintomi

Parkinson e popolazioni neuronali associate

Una nuova ricerca individua nel Parkinson le popolazioni neuronali associate ai sintomi della malattia

Il morbo di Parkinson è un disordine neurodegenerativo progressivo che si manifesta attraverso una gamma diversificata di sintomi motori e non-motori; tra cui il tremore e la rigidità degli arti, così come le difficoltà nel mantenere l’equilibrio e la coordinazione. E ancora nel camminare e nel parlare. Con il progredire della malattia, questi sintomi evolvono e diventano sempre più gravi.

Diagnosticare la malattia di Parkinson nelle sue fasi iniziali può essere molto impegnativo; in quanto i sintomi più evidenti, quelli che riguardano i movimenti del paziente, generalmente iniziano a manifestarsi in una fase successiva della malattia. Per mettere a punto nuovi strumenti diagnostici e strategie di trattamento più efficaci, i neuroscienziati hanno cercato di ottenere maggiori informazioni sui fondamenti neurali dei singoli sintomi della malattia.

Studi passati suggeriscono che i disturbi associati alla malattia di Parkinson potrebbero essere legati a cambiamenti progressivi nei gangli della base; un’area del cervello che regola una serie di funzioni motorie e cognitive. Tuttavia, l’organizzazione e le funzioni dei diversi circuiti dei gangli della base sono ancora poco conosciuti.

I ricercatori della University of California di San Diego hanno recentemente studiato i ruoli funzionali delle diverse popolazioni neuronali che esprimono la parvalbumina nel globo pallido esterno (GPe-PV); una piccola area del cervello che fa parte dei gangli della base. Il loro documento, pubblicato su Nature Neuroscience, fa luce sui contributi di queste popolazioni neuronali a diversi comportamenti associati alla malattia di Parkinson.

Parkinson e popolazioni neuronali: lo studio identifica due gruppi differenti

Diagnosticare precocemente la malattia di Parkinson può essere molto difficile“; ha dichiarato Kook Lim, uno dei ricercatori che ha condotto lo studio.

Questo è dovuto principalmente alla forte attenzione sui sintomi motori della malattia; piuttosto che sui sintomi non motori. Di solito si verificano nella fase iniziale della malattia di Parkinson. Il nostro lavoro identifica i cambiamenti differenziali in diverse aree cerebrali che sono coinvolte nei sintomi motori e non motori della malattia di Parkinson esposti durante la sua progressione.

Per esaminare le basi neurali dei comportamenti non motori, i ricercatori hanno esaminato dei topi da laboratorio. Questo perché assomigliano a quelli osservati nei pazienti con la malattia di Parkinson. I topi stavano completando un compito di apprendimento inverso. Questo tipo di compito è progettato specificamente per valutare e misurare la flessibilità cognitiva (cioè la capacità di passare dal pensiero a cose diverse o di pensare a diversi concetti contemporaneamente).

La scarsa flessibilità cognitiva è uno dei principali sintomi non motori della malattia di Parkinson“, ha spiegato Lim.

Usando una misurazione fotometrica a fibre ottiche all’avanguardia dell’attività di specifiche proiezioni e la manipolazione optogenetica/chimogenetica di questo circuito, abbiamo identificato anatomicamente e funzionalmente distinte popolazioni neuronali che esprimono parvalbumina nel globus pallidus esterno e osservato i loro contributi a diversi comportamenti associati alla malattia di Parkison“.

Malattia di Parkison: il modo in cui sono coinvolte le aree cerebrali non è stato chiarito

Lim e i suoi colleghi hanno scoperto che la manipolazione dei neuroni della substantia nigra pars reticulata (SNr) che proiettano nel globus pallidus esterno ha alleviato i deficit locomotori dei topi, mentre la manipolazione dei neuroni del talamo parafascicolare (PF) ha migliorato le loro prestazioni nel compito di apprendimento inverso. Questi risultati evidenziano il ruolo cruciale che queste due popolazioni neuronali GPe-PV potrebbero svolgere nel progressivo sviluppo dei sintomi motori e non motori della malattia di Parkison.

Il morbo di Parkinson è un disordine neurodegenerativo progressivo“, ha detto Lim.

Tuttavia, il modo in cui le diverse aree cerebrali sono coinvolte nei diversi sintomi esibiti nelle diverse fasi dello sviluppo della malattia non è stato ancora completamente chiarito. I nostri risultati evidenziano la necessità di studiare gli adattamenti specifici dei circuiti nelle diverse fasi della malattia di Parkinson; per svelare trattamenti specifici per ogni fase e per ogni sintomo che potrebbero ritardarne la progressione”.

In futuro, i risultati di questo recente studio potrebbero informare lo sviluppo di strategie più efficaci per diagnosticare o trattare diversi sintomi della malattia di Parkinson. In diverse fasi della sua progressione.

Nei prossimi studi, Lim e colleghi hanno in programma di esaminare il ruolo che altri circuiti cerebrali svolgono nello sviluppo del disturbo nel tempo. Questo per ottenere una migliore comprensione dei suoi meccanismi neurali sottostanti.

Articoli correlati: Il gene del Parkinson può nuocere ai nuovi neuroni

error: Content is protected !!