Placebo in concerto a Milano

254
Placebo in concerto a Milano

MILANO – Placebo in concerto a Milano. Proprio così. Il duo inglese formato da Brian Molko e Stefan Olsdal ha annunciato un nuovo show in Italia. Dopo la data estiva di Mantova del prossimo anno, la band arrivera’ nel capoluogo meneghino per un secondo appuntamento il 27 ottobre 2022 al Mediolanum Forum. Virgin Radio è la radio ufficiale dell’evento. Info su www.livenation.it.

I biglietti sono disponibili per la vendita generale su www.ticketmaster.itwww.ticketone.it e www.vivaticket.com. Dopo nove anni di attesa dall’ultimo album, Loud Like Love, finalmente i Placebo sono pronti a tornare con il nuovo e attesissimo disco Never Let Me Go in uscita il 25 marzo 2022. Anticipato dal primo singolo Beautiful James, “una canzone gioiosa e celebrativa”, recentemente è stato pubblicato il secondo estratto dal nuovo lavoro chiamato Surrounded By Spies.

Sponsor

Placebo in concerto a Milano

“Ho iniziato a scrivere questo testo quando ho scoperto che i vicini mi stavano spiando per conto di qualcuno con un piano folle. Poi ho iniziato a riflettere sui mille modi in cui la nostra privacy è stata compromessa e ci è stata del tutto tolta con l’introduzione delle telecamere a circuito chiuso che adesso utilizzano tecnologie di riconoscimento facciale razziste. Ho usato la tecnica del cut-up inventata da William S Burroughs e resa famosa nella musica moderna da David Bowie”. Così il cantante e chitarrista Brian Molko spiega il processo creativo nella scrittura del nuovo singolo. E non è finita.

In attività dal 1994, i Placebo hanno rivoluzionato la storia del rock e dell’elettronica portando sul palco generi diversi e mischiati tra di loro per creare un sound unico. Vantano oltre 14 milioni di dischi venduti e milioni di stream su Spotify. Il nuovo album Never Let Me Go incanala le loro competenze da scrittori e produttori. Tutto ciò, in una musica che soddisfa il loro brutale appetito di espressione, ma che cerca allo stesso tempo un’attinenza furiosa al mondo degli anni ’20 del nuovo millennio caratterizzato dalla pandemia, da scenari di intolleranza, divisione, saturazione tecnologica e catastrofi climatiche. Davvero un grandissimo gruppo.