Risonanza magnetica: un aiuto alla perdita memoria

32
risonanza magnetica
Con la RM è possibile distinguere tra perdita di memoria causata dal morbo di Alzheimer e lesione cerebrale traumatica

La risonanza magnetica può aiutare i medici a differenziare le cause della perdita di memoria.

Uno studio condotto dall’UCLA ha scoperto che, con l’uso di scansioni a risonanza magnetica, è possibile distinguere tra la perdita di memoria causata dal morbo di Alzheimer e le lesioni cerebrali traumatiche.

I ricercatori dell’UCLA, insieme ai colleghi dell’Università di Washington a St. Louis, dicono che la scoperta è importante perché potrebbe aiutare a prevenire una diagnosi errata del morbo di Alzheimer, che può essere devastante per i pazienti e le loro famiglie.

Sponsor

Lo studio in oggetto, ha scoperto che ben il 21% degli anziani con demenza, può avere una diagnosi errata del morbo di Alzheimer. Per quanto ovvio, una diagnosi errata può portare a un trattamento non appropriato nei pazienti e dunque, impedisce loro di partecipare a studi clinici che potrebbero migliorare la loro assistenza complessiva.

La ricerca, fa riferimento alla pubblicazione sul Journal of Alzheimer’s Disease, che ha coinvolto 40 pazienti dell’UCLA con un’età media di poco meno di 68 anni, che avevano subito una lesione cerebrale traumatica, o TBI, e in seguito hanno sviluppato problemi di memoria.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, 2,87 milioni di americani hanno sperimentato il TBI nel 2014, con i tassi più alti per le persone di 75 anni o più. I bambini dai 4 anni in su e gli adulti dai 65 anni in su, avevano più probabilità di subire gravi lesioni cerebrali dopo una caduta.

La Risonanza magnetica: le dichiarazioni del primo ricercatore

“Sapevamo già che le risonanze magnetiche possono rivelare sottili anomalie in pazienti con disturbi neurologici, come il morbo di Alzheimer”.

Ha dichiarato il dottor Somayeh Meysami, autore principale e ricercatore clinico post-dottorato in neurologia cognitiva e comportamentale presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.

“Lo scopo del nostro studio era quello di valutare se la risonanza magnetica potesse rivelare anche anomalie distinte in lesioni cerebrali traumatiche. E, se potessimo identificare un tale modello, ciò porterebbe a una migliore diagnosi della perdita di memoria legata alla TBI da altre cause di demenza”.

“Utilizzando un programma software per analizzare le scansioni di risonanza magnetica, lo studio ha rivelato che il TBI ha causato il maggior numero di danni ad una regione cerebrale nota come diencefalo ventrale, con la minima quantità di atrofia che si verifica nell’ippocampo”.

Rileva l’autore dello studio Dr. Cyrus Raji, un assistente professore di radiologia presso l’Università di Washington a St.

Il diencefalo ventrale e la RM

“Il diencefalo ventrale è associato all’apprendimento e alle emozioni, mentre l’ippocampo è coinvolto nella memoria e nelle emozioni. L’ippocampo è anche la regione del cervello più colpita dal morbo di Alzheimer”.

“Il metodo che abbiamo usato per misurare i volumi cerebrali in questi individui è utile perché può essere applicato allo stesso tipo di risonanza magnetica che otteniamo in clinica senza che sia necessario un particolare tipo di diagnostica per immagini”; ha detto il dottor Raji.

L’Associazione Alzheimer stima che fino al 40% delle demenze sono causate da condizioni diverse dal morbo di Alzheimer.

Il nostro studio offre ulteriori prove che non tutte le perdite di memoria sono causate dal morbo di Alzheimer“, ha detto. “Può essere attribuito al TBI, così come ad altre demenze e disturbi neurodegenerativi”.

Conclude il Dr. Mario Mendez, un professore in residenza di neurologia, psichiatria e scienze biocomportamentali presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.