Risposta Immunitaria e Linfonodi

280
Risposta Immunitaria
ph©NICHD- Killer T cells surround a cancer cell - I ricercatori scoprono in che modo le cellule tumorali che si diffondono nei linfonodi evitano la distruzione immunitaria

I linfonodi sono fondamentali per la risposta immunitaria del corpo contro i tumori. Tuttavia, paradossalmente, le cellule tumorali che si diffondono, o metastatizzano, ai linfonodi possono spesso sfuggire all’eliminazione da parte delle cellule immunitarie.

I recenti esperimenti dei ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) e della Boston University School of Medicine forniscono intuizioni sui dettagli alla base di questa elusione immunitaria; che potrebbe aiutare, di conseguenza, gli scienziati a sviluppare strategie per superarla. I risultati sono pubblicati su Nature Biomedical Engineering.

Sponsor

Sappiamo che i linfonodi sono spesso il primo posto in cui il cancro si diffonde quando progredisce. Sappiamo anche che il nostro sistema immunitario può attaccare e uccidere le cellule tumorali“; afferma l’autore senior e co-corrispondente Timothy P. Padera, Ph.D. Un ricercatore in radio-oncologia alla MGH e un borsista di ricerca MGH 2021-2026.

Una delle domande perplesse che è stata al centro del recente lavoro nel mio laboratorio è come possono gli organi che generano le nostre risposte immunitarie – i linfonodi – permettere alle cellule tumorali di sopravvivere e prendere il sopravvento invece di attaccarle? Questa è stata la motivazione alla base di questo studio”.

Analizzando il tessuto di pazienti con cancro al seno; e poi al colon, alla testa e al collo, combinato con modelli animali con metastasi nei linfonodi del cancro al seno, Padera e i suoi colleghi hanno dimostrato che le cellule immunitarie chiamate cellule T sono abbondanti nei linfonodi metastatici; ma non riescono a penetrare i tumori che si sono diffusi in tali nodi.

Risposta Immunitaria: stato solido dei tumori e flusso sanguigno

Il team ha misurato un aumento delle forze fisiche, noto come stato solido, nei linfonodi con cancro metastatico.

“Abbiamo ipotizzato che lo stato solido nei tumori dei linfonodi può compromettere sia il flusso di sangue che la capacità di traffico delle cellule T dei vasi sanguigni nei linfonodi”; spiega l’autore principale e co-corrispondente Dennis Jones, Ph.D. assistente professore di patologia e medicina di laboratorio presso la Boston University School of Medicine.

Gli scienziati hanno poi sviluppato un dispositivo per comprimere i linfonodi al fine di simulare la crescita graduale delle metastasi linfonodali. Quando hanno applicato la forza di compressione ai linfonodi, è emerso un chiaro legame tra la forza fisica e l’interruzione dell’ingresso delle cellule T nei linfonodi.

“I nostri risultati indicano che quando le cellule tumorali crescono nel linfonodo, riorganizzano e alterano il linfonodo, disabilitando le risposte funzionali critiche del sistema immunitario”, dichiara Padera. “Comprendendo come le cellule tumorali disabilitano la funzione del linfonodo, speriamo di poter contrattaccare per aiutare i linfonodi a generare risposte immunitarie anti-cancro; che aiuteranno poi a combattere le cellule tumorali ovunque nel corpo”.

Alleviare lo stato solido con il farmaco per la pressione sanguigna Losartan ha aumentato il numero di vasi sanguigni e di cellule T nelle metastasi linfonodali, suggerendo che alleviare lo stato solido è una potenziale strategia per migliorare l’ingresso delle cellule T nei tumori.

***

Il nostro lavoro porta ora a molte altre importanti domande”; conclude Jones. “Il trattamento con Losartan combinato con l’immunoterapia causa l’eradicazione delle cellule tumorali metastatiche nei linfonodi attraverso l’uccisione delle cellule T? E inoltre, questo porta a una forte risposta immunitaria sistemica anti-cancro che aiuta a eliminare il cancro da tutto il corpo?”

Jones nota che trovare le risposte a queste domande, potrebbe portare a nuove strategie di trattamento per i pazienti con cancro metastatico.