Scoperta una nuova specie di medusa: guarda il Video
Scienza

Scoperta una nuova specie di medusa: guarda il Video

I biologi marini del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) hanno scoperto uno strano tipo di medusa a corona – più comunemente chiamata polmone di mare o medusa barileinsolitamente grande e particolare, con tentacoli arrotolati, appartenente al genere Atollidae, una famiglia monogenetica con 10 specie attualmente accettate nel genere Atolla. Scoperta una nuova specie di medusa

Il genere Atolla, comunemente presente negli oceani di tutto il mondo, è una è una scifomedusa che si trova in acque profondissime. A questa specie appartengono la Atolla chuni, Atolla gigantea e Atolla Vanhoeffeni che sono, inoltre, tra le più comuni.

Ciascuna di queste ha caratteristiche morfologiche che le rendono relativamente facili da identificare e sono uniche. Ma altri, anche la comune e diffusa Atolla wyvillei, possono essere piuttosto difficili da distinguere. Alcune caratteristiche che si pensava fossero specificamente legate alla specie si sono rivelate poco utili per separare le stesse.

Scoperta una nuova specie di medusa

Una caratteristica che i ricercatori usano spesso per identificare l’Atolla è il singolo tentacolo allungato, o ipertrofico. Ognuno di essi, può allungarsi fino a sei volte il diametro della campana.

Le osservazioni dei ricercatori in Giappone suggeriscono che il singolo tentacolo che si allunga aiuta un’Atolla affamata, ad afferrare i sifonofori, una classe di invertebrati marini di cui si nutrono.

Negli ultimi 15 anni, i ricercatori del MBARI hanno osservato e raccolto numerosi esemplari di tre tipi di meduse simili all’Atolla che non hanno il tipico tentacolo.

Ora, hanno raccolto sufficienti dettagli sulle caratteristiche morfologiche e molecolari per descrivere uno di questi tre singolari esemplari di meduse: Atolla reynoldsi.

“Abbiamo chiamato questa nuova specie in onore di Jeff Reynolds in riconoscimento delle 4,3 milioni di ore di servizio che lui e altri volontari hanno contribuito al Monterey Bay Aquarium negli ultimi 38 anni”, ha detto il dottor George Matsumoto, specialista senior di educazione e ricerca presso MBARI.

“Hanno gentilmente dato il loro tempo per educare il pubblico sulle meraviglie dell’oceano”.

“I volontari dell’acquario sono stati determinanti per aumentare la consapevolezza della fragilità dell’oceano e per ispirare il pubblico a preoccuparsi della salute dello stesso”. Atolla reynoldsi è relativamente grande rispetto alle altre specie di Atolla.

L’esemplare più grande raccolto dal team aveva un diametro di 13 cm, rendendo questa specie appena scoperta una delle più grandi del genere.

***

Come altre meduse a forma di corona delle profondità marine, Atolla reynoldsi ha una campana solcata. Una profonda fenditura corre intorno alla stessa, separando la campana a cupola dall’ampio margine con segmenti spessi, noti come pedalium, contenenti tentacoli simili a dita.

Il suo bordo assomiglia – appunto – a una corona; il che fa guadagnare a questo gruppo di meduse il suo nome regale. La corona ha papille verrucose e creste a spillo.

La nuova specie ha anche un intestino ben distinto, che ha la forma di una croce greca.

“Nonostante la mancanza di una chiave adeguata, è chiaro che Atolla reynoldsi è molecolarmente distinta dalle specie di Atolla che siamo stati in grado di raccogliere e che è morfologicamente diversa da tutte le dieci specie di Atolla descritte”; hanno detto il dottor Matsumoto e colleghi.

I due tipi aggiuntivi – Atolla specie A e Atolla specie B – potrebbero anche essere nuovi esemplari, ma non abbiamo abbastanza campioni in questo momento per fare questa affermazione”.

Tutti e tre i tipi – Atolla reynoldsi, Atolla species A, e Atolla species B – potrebbero aver bisogno di essere inseriti in un nuovo genere a causa della loro morfologia distinta dello stomaco e la mancanza di un tentacolo che segue, ma fino a quando non sarà completato un ulteriore lavoro, raccomandiamo che rimangano all’interno del genere Atolla e che la descrizione della famiglia sia modificata per includere 16-62 rhopalia piuttosto che 16-32 rhopalia.”

La scoperta è riportata in un articolo sulla rivista Animals.