Studio trova legame

Studio trova legame: inquinamento aria e mortalità

Un nuovo importante studio trova legame tra inquinamento dell’aria e la mortalità, un nesso causale tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e l’aumento delle probabilità di morte prematura.

Nuove ricerche hanno poi fornito ulteriori prove del fatto che, l’esposizione a particolato fine dell’aria provoca un aumento del rischio di morte prematura.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Science Advances, indica che il rafforzamento degli attuali standard di inquinamento atmosferico negli USA potrebbe salvare la vita di 143.257 persone nei prossimi 10 anni.

Studio trova legame con l’inquinamento da polveri sottili

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (EPA) determina gli standard di qualità dell’aria negli USA; e identifica il livello di una serie di inquinanti a cui i governi locali, regionali e nazionali hanno la responsabilità di aderire.

L’EPA basa questi livelli sulla letteratura scientifica attuale, che dimostra gli effetti nocivi dell’inquinamento atmosferico sulla salute delle persone.

Dalla loro nascita nel 1971, il livello di sicurezza delle concentrazioni di particolato fine è costantemente diminuito con l’emergere di nuove ricerche.

Ci sono prove ben documentate che collegano l’inquinamento atmosferico da polveri sottili alla salute, in particolare il suo legame con i problemi cardiovascolari e respiratori.

Secondo l’EPA, il particolato fine può provenire direttamente da una serie di fonti, come gli incendi o i cantieri. Possono anche formarsi nell’atmosfera in reazioni chimiche con gli inquinanti atmosferici.

Recentemente, la ricerca ha suggerito che l’esposizione a concentrazioni di particolato sottile di inquinamento atmosferico inferiori al massimo determinato dall’EPA può avere effetti negativi sulla salute.

Tuttavia, alcuni esperti, tra cui il presidente del comitato consultivo scientifico dell’EPA per l’aria pulita, hanno contestato questi risultati. Essi sostengono che non vi sono prove verificabili che confermino una relazione causale tra concentrazioni di inquinamento atmosferico inferiori agli standard attuali; e quindi sugli effetti negativi sulla salute.

Per superare questa obiezione, gli autori della presente ricerca hanno condotto uno studio approfondito.

Hanno esteso la ricerca per identificare se alcuni altri fattori potrebbero spiegare il legame tra basse concentrazioni di particolato fine dell’inquinamento atmosferico.  E dunque, gli effetti negativi sulla salute e se possono dimostrare la causalità.

68,5 milioni di partecipanti

Nel presente studio, gli autori hanno analizzato i dati di 68,5 milioni di persone iscritte al programma di assicurazione sanitaria Medicare. Questi dati si sono estesi su 16 anni, coinvolgendo il 97% delle persone di 65 anni e più.

I dati includevano informazioni sull’indice di massa corporea (IMC) di ciascun partecipante; sulla sua condizione di fumatore di tabacco, sui livelli di reddito. Ed ancora sull’etnia e sul livello di istruzione. Ciò ha permesso agli autori di rendere conto di questi possibili fattori di confusione nella loro analisi.

Gli autori hanno registrato i codici di avviamento postale di ogni partecipante, consentendo loro di effettuare controlli incrociati tra le località dei partecipanti; e poi i dati sui livelli di inquinamento dell’aria negli USA. Nonché di verificare i livelli di inquinamento con altri fattori che potrebbero influenzare i risultati, come le condizioni meteorologiche locali e l’uso del suolo.

Gli scienziati, hanno poi utilizzato cinque diversi tipi di analisi , due tradizionali, tre all’avanguardia; questo per capire il possibile legame tra i livelli di inquinamento atmosferico e gli effetti negativi sulla salute.

Articolo consigliato: Umani e scimmie possono parlare lo stesso gergo?

error: Content is protected !!