Tanti appuntamenti per il Muntagninjazz 2021

491
Tanti appuntamenti per il Muntagninjazz 2021
Tanti appuntamenti per il Muntagninjazz 2021

SULMONA – Tanti appuntamenti per il Muntagninjazz 2021. La rassegna avrà il suo clou dal 12 al 17 agosto nel Parco Fluviale Augusto Daolio di Sulmona (L’Aquila). Giovedì 12 ci sarà Drusilla Foer, già vista nei programmi di Piero Chiambretti su Mediaset e, più di recente, come ospite fissa di “Ciao Maschio”, programma condotto da Nunzia De Girolamo su Rai 1. Venerdì 13 toccherà a Nico Gori Swing 10tet.

Sabato 14 sarà la volta del grande batterista jazz Roberto Gatto con “Nino”, omaggio a Nino Manfredi. Lunedì 16 arriverà Irene Grandi con il tour “Io in blues”, che sta portando in giro già da un po’. In questo nuovo spettacolo, la cantante toscana rilegge tutti i suoi più grandi successi in chiave, appunto, blues, non mancando di proporre anche qualche standard. Chiusura affidata martedì 17 a Davide Shorty, special guest il trombettista Fabrizio Bosso.

Sponsor

Tanti appuntamenti per il Muntagninjazz 2021

Davide Shorty è un cantautore, rapper e producer di Palermo capace di far convivere la sua inconfondibile voce soul con sonorità innovative e melodie contaminate da jazz e rap. Dopo varie esperienze nella scena hip hop siciliana nel 2010 si trasferisce a Londra dove, nel 2012, fonda la band Retrospective For Love. Nel 2016, dopo essersi posizionato 3° alla nona edizione del talent show X Factor (Dicembre 2015), pubblica il suo primo album ufficiale, “Straniero”. Quest’anno ha partecipato alla 71^ edizione del Festival di Sanremo nella categoria “Nuove Proposte”, classificandosi 2° e vincendo il “Premio della Sala Stampa Lucio Dalla”, il “Premio Enzo Jannacci NUOVO IMAIE 2021” e il “Premio Lunezia per Sanremo 2021” per il valore musical-letterario.

Roberto Gatto è uno dei batteristi più rappresentativi del jazz Italiano. Nel corso di una lunga e fortunata carriera che lo ha portato al vertice del jazz Italiano, del quale è uno dei musicisti più rappresentativi, ha iniziato a spostarsi dal ruolo di sideman di lusso a quello di leader, creando una serie di gruppi che hanno raccolto sempre un immediato successo.