Le scene sconvolgenti di morte, distruzione e malattia che seguirono la fusione di Chernobyl 36 anni fa sono state registrate su film e video; tuttavia, sono rimaste nascoste per decenni. Ora, queste storie finora sconosciute, stanno finalmente venendo alla luce,. in un nuovo documentario della HBO, “Chernobyl: The Lost Tapes”(Chernobyl: I nastri perduti).Questi testimonia  l’incidente nucleare più letale di tutti i tempi.

I “nastri perduti” di Chernobyl mostrano le inquietanti conseguenze del disastro nucleare

Un trailer del film, che la HBO ha condiviso venerdì (3 giugno) su YouTube, offre uno sguardo su ciò che accadde in Ucraina. (allora parte dell’Unione Sovietica, o URSS) dopo l’orribile disastro, avvenuto il 26 aprile 1986 nella centrale nucleare di Chernobyl; a circa 81 miglia (130 chilometri) a nord di Kiev, la capitale ucraina.

Nei nastri da tempo perduti e le dichiarazioni dei testimoni, offrono uno spaccato della vita a Chernobyl prima del disastro, ed evidenziano come si è trasformata per sempre all’indomani dell’incidente. “Tutto è stato documentato“, dice uno dei testimoni nel trailer, “ma molti dei dettagli dell’esplosione e dei potenziali pericoli sono stati oscurati dai funzionari sovietici, che hanno inviato i soldati per “liquidare” i danni e contribuire a coprire l’incidente”; hanno dichiarato i rappresentanti della HBO in un comunicato.

Le persone che vivevano a Chernobyl e nelle vicinanze, così come i lavoratori incaricati di ripulire i danni nel sito, sono stati successivamente tenuti all’oscuro dei rischi per la loro salute derivanti dall’esposizione alle radiazioni mortali. Man mano che un numero sempre maggiore di persone esposte alle radiazioni del luogo, si ammalava. La loro fiducia nella leadership sovietica si deteriorava, contribuendo ai diffusi disordini che hanno portato alla dissoluzione dell’Unione Sovietica.

***

L’esplosione del reattore di Chernobyl uccise due lavoratori dell’impianto e altre 29 persone; molte delle quali pompieri accorsi per combattere l’incendio che morirono in seguito, per avvelenamento da radiazioni, stando all’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Negli anni successivi, i tassi di cancro sono saliti alle stelle tra i bambini ucraini; con un aumento di circa il 90%, come riportato in precedenza a diverse riviste. Nel 2006, un rapporto commissionato da Greenpeace International ha stimato che oltre 93.000 persone in Ucraina, Bielorussia e Russia sono morte per malattie legate all’esposizione alle radiazioni derivanti dall’incidente nucleare.
Il rapporto affermava inoltre che circa 270.000 persone in quei Paesi, che hanno sviluppato tumori, non lo avrebbero fatto se non fossero state esposte agli alti livelli di radiazioni prodotti dall’incidente.

“Chernobyl: The Lost Tapes” debutta il 22 giugno su HBO alle 21.00 ET/PT e sarà disponibile in streaming su HBO Max.

Aggiornamenti Previous post Aggiornamenti sulle iniziative Roma Culture
La via del vino in Sardegna Next post La via del vino in Sardegna