Chirurgia Estetica

Chirurgia Estetica? il “Sì” della metà degli Italiani

Indagine MioDottore: quasi la metà degli italiani (43%) direbbe “sì” alla chirurgia estetica.

  • 1 italiano su 4 (25%) si è già sottoposto a interventi: seno, labbra e naso sono i 3 più popolari.
  • Ben oltre la metà di chi ha già affrontato il bisturi (63%) si rifarebbe anche altre parti del corpo.
  • Le maggiori barriere che frenano gli italiani di fronte al chirurgo estetico sono motivi economici (24%); paura della sala operatoria (12%) e timore di un risultato finale poco piacevole (7%).

 

Milano, 4 agosto 2020 Chi non ha mai pensato di cambiare qualcosa di sé? Una recente ricerca di MioDottore – piattaforma specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – ha analizzato il rapporto che gli italiani hanno con il proprio corpo, indagando la loro relazione con la chirurgia estetica, quali parti del corpo desidererebbero rifarsi o hanno già ritoccato e quali sono quelle secondo loro più affascinanti. Per approfondire alcune evidenze, MioDottore ha interpellato una delle sue esperte, la dottoressa Rita Viscovo, psicoterapeuta e medico estetico della piattaforma.

Chirurgia Estetica – Bisturi: tra azione e tentazione

In base ai dati di MioDottore, quasi la metà degli utenti tricolore è attratta dal bisturi (43%). Mentre un quarto dei rispondenti (25%) si è già sottoposto a un intervento di chirurgia estetica.

Si tratta prevalentemente di donne over 45, che hanno scelto di modificare – in ordine di popolarità – seno (25%), labbra (23%) e naso (22%). Quasi tutti coloro che hanno effettuato un’operazione (90%) dichiarano di essere felici della propria decisione e del risultato finale e in particolare il 63% ripeterebbe l’esperienza sottoponendo a tale trattamento anche altre porzioni del proprio corpo.

Chi è tentato dalla chirurgia estetica, si sente però frenato. Ma quali sono le principali preoccupazioni? In primis la tendenzialmente sostanziosa spesa economica (24%), mentre solo in seconda battuta c’è la paura della sala operatoria (12%). Esiste anche una fetta di intervistati che, benché desiderosa di cambiare parti di sé, teme di non piacersi davvero allo specchio post operazione (7%).

Qualcuno però dice no: è meno di un terzo dei rispondenti (32%) a scansare l’ipotesi di un intervento di questo tipo, perché ha imparato ad accettare le proprie imperfezioni (23%) oppure perché si piace già così com’è – solo meno di 1 su 10 (9%).

La parola alla specialista

La specialista Rita Viscovo di MioDottore commenta:

Le aspettative del paziente di chirurgia estetica sono sempre molto alte e ampie; in quanto si rivolge a un professionista per risolvere un problema che lo mette in una situazione di difficoltà e disagio. Nei confronti di sé e degli altri. Capita però con frequenza che il difetto considerato insopportabile, in realtà sia meno evidente e importante da un punto di vista clinico e chirurgico di un altro; che invece non viene assolutamente considerato”.

“Questo perché la componente psicologica e di accettazione di sé passa attraverso vissuti e visioni soggettive. In questo contesto è possibile che il paziente dopo un intervento possa anche mostrare difficoltà nel riconoscersi. La chiarezza nel presentare i risultati e le possibili complicanze post intervento sono necessarie e fondamentali nel corso della visita preliminare; ed è altrettanto importante comprendere se le aspettative del paziente sono aderenti alla realtà o irraggiungibili. La principale motivazione riguarda la bellezza: sentirsi più attraenti e gradevoli, essere più armonici”. Conclude la dottoressa.

Cosa amano gli italiani e cosa “ritoccano”

Ma quali sono davvero le parti del corpo più amate dagli italiani? Nel fisico di una donna ciò che viene maggiormente apprezzato è il viso, in primis gli occhi (48%); e a seguire le labbra (30%), al terzo posto invece ci sono le gambe (28%). Anche negli uomini si guarda fin da subito lo sguardo (56%), ma poi si sposta l’attenzione verso le spalle (32%) e le mani (27%).

Non stupisce dunque che tra gli interventi più desiderati emerga un ritocchino alle palpebre; nei pensieri della quasi totalità delle over 45. Inoltre, quasi un quarto (23%) di chi ha già fatto ricorso al bisturi sia intervenuto sulle labbra; si tratta unicamente di donne, appartenenti a diverse fasce d’età.

Curioso, invece, notare che non sempre ciò che gli italiani hanno cambiato o vorrebbero modificare rispecchia ciò che considerano come realmente attraente a livello estetico. Ad esempio, gli uomini sono intervenuti per modificare sempre una parte del proprio viso, ma non si tratta degli occhi, bensì del naso (43%). Inoltre, sul podio degli interventi più desiderati, a pari merito con le palpebre, c’è il seno; subito seguito dagli addominali – quest’ultimo anelato inaspettatamente più dalle donne che dagli uomini (85% vs 5%). 

Qualsiasi sia il dubbio degli italiani nei confronti della chirurgia estetica, attraverso la sezione ”Chiedi al Dottore” disponibile sulla piattaforma è possibile rivolgere quesiti agli specialisti e ricevere un riscontro professionale e completamente gratuito in tempi rapidi, entro 48 ore.

Articolo consigliato: Salbutamolo e Alzheimer può funzionare?


INFO – MioDOTTORE

MioDottore.it fa parte del Gruppo DocPlanner ed è la piattaforma leader al mondo dedicata alla sanità privata che connette i pazienti con gli specialisti ed è pensata per rendere l’esperienza sanitaria più umana. MioDottore.it offre ai pazienti uno spazio dove trovare e recensire lo specialista più adatto alle proprie esigenze e allo stesso tempo fornisce ai professionisti sanitari e ai centri medici utili strumenti per gestire il flusso di pazienti, migliorare l’efficienza e la propria presenza online e acquisire nuovi pazienti.

Il Gruppo DocPlanner attualmente serve 30 milioni di pazienti e gestisce 1.5 milioni di prenotazioni ogni mese. Conta oltre 2 milioni di professionisti e circa 3 milioni di recensioni sui suoi siti in 15 paesi. L’azienda, fondata nel 2012 in Polonia, ad oggi si avvale di un team di 1.300 persone con sedi a Varsavia, Barcellona, Istanbul; Roma, Città del Messico, Curitiba, Bogotá e Santiago de Chile. Arrivato in Italia nel novembre 2015, ha già registrato numeri record con oltre 200.000 dottori disponibili sulla piattaforma. 

Per ulteriori informazioni visitare il sito: https://www.miodottore.it/    

error: Content is protected !!