HPV: una dose singola

HPV: una dose singola contro il cancro alla cervice

La singola dose di vaccino HPV può essere efficace contro il cancro alla cervice uterina.

Una nuova ricerca indica, dunque, che un’unica dose del vaccino contro il papilloma virus umano (HPV) è efficace nel prevenire la forma preinvasiva, del carcinoma della cervice uterina; che può successivamente svilupparsi in cancro vero e proprio. I risultati sono pubblicati su CANCER, una rivista peer-review dell’American Cancer Society (ACS).

L’HPV è l’infezione a trasmissione sessuale più comune. La stessa in casi persistenti, a contatto con alcuni tipi di virus, può causare il cancro alla cervice. Per prevenire l’infezione, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie fanno raccomandazioni per gli adolescenti. Sia maschi, sia le femmine – di età inferiore ai 15 anni devono ricevere un programma a due dosi di vaccino contro l’HPV.

HPV: una dose singola; parla la ricercatrice del Medical Branch di Galveston

Per determinare l’efficacia di altri programmi posologici, Ana M. Rodriguez, della University of Texas Medical Branch di Galveston e colleghi, hanno esaminato le informazioni sulle donne di età compresa tra 9 e 26 anni che non erano state vaccinate; o che avevano ricevuto uno o più HPV dosi di vaccino tra gennaio 2006 e giugno 2015.

L’analisi ha incluso 133.082 femmine (66.541 vaccinate e 66.541 non vaccinate). Per le donne di età compresa tra 15 e 19 anni, coloro che hanno ricevuto una, due o tre dosi del vaccino HPV presentavano tassi più bassi di malattia preinvasiva rispetto agli adolescenti non vaccinati.

Entro cinque anni, il 2,65% degli adolescenti non vaccinati dai 15 ai 19 anni ha sviluppato una malattia alla cervice preinvasiva. Rispetto all’1,62%, all’1,99% e all’1,86% rispettivamente nei gruppi a una, due e tre dosi.

Il rischio di tumore della cervice uterina preinvasiva è inferiore del 36%, 28% e 34% per gli adolescenti che hanno ricevuto rispettivamente una, due e tre dosi, rispetto agli adolescenti che non sono vaccinati.

Per i gruppi più giovani (meno di 15 anni) e più anziani (20 anni e più), i ricercatori non hanno trovato differenze significative tra i gruppi vaccinati in termini di rischio di malattia cervicale preinvasiva.

Prevenzione: ecco quanto afferma la dott.ssa Rodriguez

Questo studio mostra l’impatto della vaccinazione in giovane età e la sua protezione duratura a lungo termine contro il cancro alla cervice. È importante educare i genitori sulla necessità di vaccinare i propri figli“.

Un editoriale di accompagnamento, tuttavia, discute le implicazioni per la salute pubblica dei risultati dello studio. “Se una dose del vaccino HPV fosse sufficiente per una protezione efficace, l’implementazione e il potenziamento del vaccino HPV richiederebbero meno logistica; le dosi disponibili potrebbero estendersi ulteriormente e il costo complessivo sarebbe inferiore“, hanno scritto gli autori.

 

error: Content is protected !!