Immagini spettacolari del Sole mai viste prima

Immagini spettacolari del Sole mai viste prima

Le immagini spettacolari del Sole mai viste prima, perchè sono le più vicine mai scattate ad oggi. Foto che rivelano minuscole eruzioni solari che punteggiano la superficie della stella.

L‘Agenzia Spaziale Europea e la NASA hanno presentato le immagini del Sole. Sono le rappresentazioni più vicine mai scattate da una navicella spaziale.

Le foto, ad alta risoluzione sono immortalate dalla nuova navicella spaziale Solar Orbiter appena lanciata e stanno già rivelando strani fenomeni sul Sole che non erano mai stati osservati prima d’ora in modo così dettagliato.

Non ci aspettavamo che le prime immagini fossero così grandiose“, racconta a The Verge Daniel Müller, project scientist dell’ESA per la missione Solar Orbiter. “Non solo sono davvero nitide e perfettamente esposte dal punto di vista tecnico, ma mostrano davvero cose che non abbiamo mai visto prima“.

Grazie a queste immagini, gli scienziati hanno scoperto quelle che sembrano essere delle “minuscoleeruzioni solari (relativamente “minuscole”) disseminate sulla superficie del Sole.

Gli esperti, hanno soprannominato queste piccole emissioni di luce “falò“; in quanto sono da milioni a miliardi di volte più piccoli dei massicci ed energetici fasci di luce che periodicamente eruttano dal Sole. Decine di questi fuochi di campo, possono essere visti in qualsiasi momento all’interno del campo visivo della telecamera Solar Orbiter. “Ciò che è intrigante è che sembrano manifestarsi ovunque sul Sole tutto il tempo“, dice Müller.

Non è chiaro cosa stia esattamente causando questi “razzi di segnalazione”. I tipici sfoghi solari, si verificano spesso quando il Sole è considerato attivo – quando macchie solari scure spuntano sulla superficie della stella; causando la torsione e la rotazione di parti del campo magnetico del Sole.

Tali eventi causano l’accumulo di tensione e, alla fine, il campo magnetico vicino alla macchia solare scatta, rilasciando un’enorme raffica di particelle altamente energetiche che sfrecciano fuori dal Sole.

Immagini spettacolari del Sole mai viste prima

Immagini spettacolari del Sole mai viste prima grazie alla missione Solar Orbiter

Questi “incendi”, tuttavia, non sembrano verificarsi in prossimità di macchie solari o luoghi d’intensa attività sul Sole. Infatti, il Sole ha un ciclo di 11 anni, dove oscilla tra periodi di attività solare estrema e periodi di quiete.

In questo momento, spiega lo studioso, le cose sono abbastanza tranquille. “In questa zona, non ci sono macchie solari, niente di particolare, ma il fenomeno sta spuntando ovunque“; dice Müller.

La scoperta di questi falò rappresenta solo la prima grande scoperta di Solar Orbiter; una missione congiunta tra ESA e NASA che è stata lanciata il 9 febbraio dalla Florida. La missione della navicella spaziale è quella di ottenere una vista senza precedenti dei poli del Sole. Cioè un punto di vista che non siamo stati in grado di vedere con nessuna navicella prima d’ora. Ci vorranno circa due anni prima che il Solar Orbiter entri nell’orbita giusta per osservare le regioni polari del Sole. Nel frattempo, il veicolo ha testato la sua suite di 10 strumenti scientifici – comprese le telecamere di bordo.

Immagini spettacolari del Sole mai viste prima

Quando Solar Orbiter ha catturato queste immagini, era a soli 77 milioni di chilometri – o quasi 48 milioni di miglia – dal Sole. È circa la metà della distanza tra il Sole e la Terra. Nessuna navicella spaziale ha mai scattato immagini della superficie del Sole da una distanza così ravvicinata.

Tra queste c’è l’altra navicella spaziale della NASA, la Parker Solar Probe, lanciata nell’agosto del 2018 per studiare l’atmosfera calda e rovente del Sole.

La Parker Solar Probe è già arrivata a meno di 18,7 milioni di chilometri, o 11,6 milioni di miglia, dalla superficie del Sole, il che la rende il veicolo umano più vicino alla nostra stella madre.

Parker Solar Probe

Ma la Parker Solar Probe non ha una telecamera potente come quella dell’Orbiter, che scatti direttamente sulla superficie del Sole, ed è qui che la Solar è utile.

Le immagini raccolte dalla nuova navicella spaziale, sono circa il doppio della risoluzione spaziale delle immagini catturate dal Solar Dynamics Observatory della NASA; che attualmente si trova in un’orbita molto alta sopra la Terra.

Quella navicella spaziale fotografa il Sole ogni giorno, mentre la raccolta d’immagini dell’Orbiter non è così frequente.

Solar Orbiter passerà da Venere e dalla Terra nel corso del prossimo anno e mezzo per avvicinarsi al Sole. Alla fine, raggiungerà l’avvicinamento più vicino al Sole, arrivando nel raggio di 42 milioni di chilometri, ovvero 26,1 milioni di miglia.

Immagini spettacolari del Sole mai viste prima

Questo significa che le immagini miglioreranno solo col tempo. “Poiché la fotocamera in sé non ha alcuna capacità di zoom, lo zoom avviene avvicinandosi al Sole“, dice Müller.

Speriamo che gli scienziati siano in grado di saperne di più su questi falò e di scoprirne la causa ovvero cosa li provoca. Sono curiosi di sapere se questi mini-fuochi possono spiegare un mistero di lunga data.

Ovvero: Perché l’atmosfera del Sole è così calda. Conosciuta come la corona, l’atmosfera che la circonda è incredibilmente calda, ancora più calda del Sole stesso.

Una teoria suggerita dall’astrofisico Eugene Parker – da cui l’omonima sonda solare Parker della NASA – è che le piccole fiammate solari occorrono su piccola scala in tutto il Sole; riscaldando l’atmosfera.

Una moltitudine di piccole esplosioni di energia sono rilasciate in continuazione“, spiega Müller. “Ognuna di esse è quasi invisibile e insignificante, ma in totale potrebbero aggiungere energia sufficiente a riscaldare la corona”.

Müller è ottimista: la Solar Orbiter è la chiave di una grandiosa scoperta

Anche se queste sono le immagini spettacolari del Sole mai viste prima, è troppo presto per dire che queste vampate sono la fonte dell’atmosfera super calda del Sole.

Gli astronomi dovranno anche fare osservazioni più approfondite per capire la temperatura di questi fuochi da campo per stabilire un vero e proprio collegamento. Ma la notizia è emozionante, e Müller è ottimista: il momento in cui Solar Orbiter sarà più vicino al sole, sarà anche l’istante decisivo per lavorare maggiormente alla scoperta. “La chiave sarà davvero sfruttare la potenza dei diversi strumenti di Solar Orbiter“, conclude Müller.

error: Content is protected !!