Mangiare tardi fa male: aumenta la fame, diminuisce le calorie bruciate e modifica il tessuto adiposo.

L’obesità affligge circa il 42% della popolazione adulta statunitense e contribuisce all’insorgenza di malattie croniche, tra cui diabete, cancro e altre patologie. Sebbene i mantra popolari di una dieta sana sconsiglino di fare spuntini di mezzanotte, pochi studi hanno analizzato in modo esaustivo gli effetti simultanei del mangiare tardi sui tre fattori principali della regolazione del peso corporeo e quindi del rischio di obesità: la regolazione dell’apporto calorico, il numero di calorie bruciate e i cambiamenti molecolari nel tessuto adiposo. Un nuovo studio condotto da ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, membro fondatore del sistema sanitario Mass General Brigham, ha scoperto che il momento in cui mangiamo ha un impatto significativo sul nostro dispendio energetico, sull’appetito e sulle vie molecolari del tessuto adiposo. I risultati sono pubblicati su Cell Metabolism.


Alcuni studi hanno analizzato che mangiare tardi fa male. Provoca una diminuzione del dispendio energetico, un aumento della fame e cambiamenti nel tessuto adiposo che, combinati, possono aumentare il rischio di obesità

Volevamo verificare i meccanismi che possono spiegare perché mangiare tardi aumenta il rischio di obesità”, ha spiegato l’autore senior Frank A. J. L. Scheer, PhD, direttore del Medical Chronobiology Program della Brigham’s Division of Sleep and Circadian Disorders. “Ricerche precedenti, condotte da noi e da altri, avevano dimostrato che mangiare tardi è associato a un maggior rischio di obesità, a un aumento del grasso corporeo e a una riduzione del successo nella perdita di peso. Volevamo capire perché”.

In questo studio ci siamo chiesti:

“L’ora in cui mangiamo è importante quando tutto il resto è coerente?””, ha detto la prima autrice Nina Vujovic, PhD, ricercatrice del Programma di cronobiologia medica della Divisione di sonno e disturbi circadiani del Brigham. “E abbiamo scoperto che mangiare quattro ore più tardi fa una differenza significativa per i nostri livelli di fame, il modo in cui bruciamo le calorie dopo aver mangiato e il modo in cui immagazziniamo il grasso”.

Vujovic, Scheer e il loro team hanno studiato 16 pazienti con un indice di massa corporea (BMI) in sovrappeso o obesi. Ogni partecipante ha completato due protocolli di laboratorio: uno con un programma di pasti precoci rigorosamente programmati e l’altro con gli stessi identici pasti, ciascuno programmato circa quattro ore più tardi nella giornata. Nelle ultime due o tre settimane prima di iniziare ciascuno dei protocolli in laboratorio, i partecipanti hanno mantenuto orari fissi di sonno e veglia, e negli ultimi tre giorni prima di entrare in laboratorio hanno seguito rigorosamente diete e orari dei pasti identici a casa.

Il documento

In laboratorio, i partecipanti hanno documentato regolarmente la loro fame e il loro appetito, hanno fornito frequenti piccoli campioni di sangue durante il giorno e hanno misurato la loro temperatura corporea e il dispendio energetico. Per misurare l’influenza dell’orario di assunzione del cibo sulle vie molecolari coinvolte nell’adipogenesi, ovvero il modo in cui l’organismo immagazzina il grasso, gli sperimentatori hanno raccolto biopsie di tessuto adiposo da un sottogruppo di partecipanti durante i test di laboratorio, sia nel protocollo di alimentazione precoce che in quello tardivo, per poter confrontare i modelli/livelli di espressione genica tra queste due condizioni alimentari.

I risultati hanno rivelato che mangiare tardi ha effetti profondi sulla fame e sugli ormoni che regolano l’appetito, la leptina e la grelina, che influenzano la nostra voglia di mangiare. In particolare, i livelli dell’ormone leptina, che segnala il senso di sazietà,. sono diminuiti durante le 24 ore nelle condizioni di alimentazione tardiva rispetto alle condizioni di alimentazione precoce. Quando i partecipanti mangiavano più tardi,. bruciavano anche calorie a un ritmo più lento e mostravano un’espressione genica del tessuto adiposo. verso un aumento dell’adipogenesi e una diminuzione della lipolisi, che promuovono la crescita del grasso. In particolare, questi risultati indicano meccanismi fisiologici e molecolari. convergenti alla base della correlazione tra il mangiare tardi e l’aumento del rischio di obesità.

Le conclusioni e la visione nel tempo

Vujovic spiega che questi risultati non solo sono coerenti con un’ampia serie di ricerche. che suggeriscono che mangiare più tardi può aumentare la probabilità di sviluppare l’obesità,. ma gettano nuova luce su come ciò possa accadere. Utilizzando uno studio randomizzato incrociato e controllando. strettamente i fattori comportamentali e ambientali come l’attività fisica,. la postura, il sonno e l’esposizione alla luce,. i ricercatori sono stati in grado di rilevare i cambiamenti nei diversi sistemi di controllo coinvolti nel bilancio energetico,. un indicatore di come il nostro corpo utilizza il cibo che consumiamo.

Negli studi futuri, il team di Scheer intende reclutare un maggior numero di donne per aumentare la generalizzabilità dei risultati a una popolazione più ampia. Sebbene questa coorte di indagine includa solo cinque partecipanti di sesso femminile, lo stesso è stato impostato in modo da controllare la fase mestruale. Riducendo i fattori di confondimento ma rendendo più difficile il reclutamento delle donne. In futuro, Scheer e Vujovic sono interessati a comprendere meglio gli effetti. del rapporto tra l’ora dei pasti e l’ora di andare a letto sul bilancio energetico.

Questo studio mostra l’impatto del mangiare tardi rispetto al mangiare presto. Abbiamo isolato questi effetti controllando le variabili confondenti come l’assunzione di calorie, l’attività fisica, il sonno e l’esposizione alla luce, ma nella vita reale molti di questi fattori possono essere influenzati dall’orario dei pasti”, ha aggiunto Scheer. “In studi più ampi, dove non è possibile un controllo stretto di tutti questi fattori, dobbiamo almeno considerare come altre variabili comportamentali e ambientali alterino queste vie biologiche alla base del rischio di obesità”. “

Invito alla lettura. 5 Fantastici benefici per la salute.

Personaggi storici Previous post Personaggi storici morti in maniera bizzarra
Ex Machina Next post Ex Machina di Patrizia Genovesi e Pipistro