Le persone che mangiano più alimenti con acidi grassi omega 3 nella mezza età potrebbero avere benefici e una capacità di pensiero superiori oltre a una struttura cerebrale migliore rispetto alle persone che mangiano pochi alimenti contenenti questi acidi grassi. È quanto emerge da uno studio esplorativo pubblicato di recente su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology. Gli acidi grassi omega-3 si trovano in pesci come il salmone, le sardine, la trota di lago e il tonno bianco. Si trovano anche negli integratori alimentari e negli alimenti arricchiti con questi acidi grassi.

Migliorare la nostra dieta è un modo per promuovere la salute del nostro cervello“. Ha dichiarato l’autrice dello studio Claudia L. Satizabal, PhD, dell’University of Texas Health Science Center di San Antonio.

Se le persone potessero migliorare la loro resilienza cognitiva e potenzialmente scongiurare la demenza con alcune semplici modifiche alla loro dieta, ciò potrebbe avere un grande impatto sulla salute pubblica. Inoltre, il nostro studio suggerisce che anche un consumo modesto di omega-3 può essere sufficiente a preservare le funzioni cerebrali. Ciò è in linea con le attuali linee guida dietetiche dell’American Heart Association. che prevedono il consumo di almeno due porzioni di pesce alla settimana per migliorare la salute cardiovascolare“.

Omega 3: i benefici nell’assunzione di acidi grassi durante la mezza tra una migliore capacità di pensiero e un rafforzamento della struttura cerebrale

Lo studio trasversale ha coinvolto 2.183 persone con un’età media di 46 anni che non soffrivano di demenza o ictus. Sono stati misurati i loro livelli di acidi grassi omega-3. Hanno sostenuto test che misuravano le loro capacità di pensiero. Si sono sottoposti a scansioni per misurare i volumi cerebrali.

Le persone del gruppo basso avevano in media il 3,4% degli acidi grassi totali. come acidi grassi omega-3, rispetto a una media del 5,2% per le persone del gruppo alto. Un livello ottimale è pari o superiore all’8%. I livelli compresi tra il 4% e l’8% sono considerati intermedi. I livelli inferiori al 4% sono considerati bassi.

I ricercatori hanno effettuato delle correzioni per i fattori che potevano influenzare i risultati. Hanno inoltre applicato un processo matematico per normalizzare i dati. Hanno osservato che le persone che mangiavano livelli più elevati di acidi grassi omega-3 non solo avevano punteggi medi più alti in un test di ragionamento astratto, ma avevano anche volumi medi più grandi nell’area dell’ippocampo del cervello, che svolge un ruolo importante nella memoria.

“Questi risultati devono essere confermati da ulteriori ricerche, ma è entusiasmante che i livelli di omega-3 possano avere un ruolo nel migliorare la resilienza cognitiva, anche nelle persone di mezza età”, ha spiegato Satizabal.

L’autrice ha sottolineato che lo studio è stato un’istantanea nel tempo e che i partecipanti non sono stati seguiti per tutto il periodo, quindi i risultati non provano che il consumo di acidi grassi omega-3 preservi la funzione cerebrale. Mostrano solo un’associazione.

Sebbene lo studio includa una piccola percentuale di persone di diverse razze/etnie, Satizabal ha affermato che la maggior parte del campione era costituita da adulti bianchi non ispanici, il che potrebbe limitare la capacità di applicare i risultati ad altri gruppi.

Ferdinando Carretta: l’omicidio di Parma Previous post Ferdinando Carretta: l’omicidio di Parma
esplosione di supernova Next post Esplosione di supernova e la materia oscura