Scoperti 17 geni pro e conto l’obesità

Un nuovo studio sui vermi Caenorhabditis elegans ha identificato 14 nuovi geni che favoriscono l'obesità e 3 geni che prevengono l'obesità indotta dalla dieta.

217
Scoperti 17 geni

I ricercatori: scoperti 17 geni che promuovono o prevengono l’obesità.

Uno studio condotto dalla Dottoressa Eyleen O’Rourke, ha permesso di individuare 293 geni associati all’obesità nell’uomo, con l’obiettivo di definire quali geni fossero effettivamente causa o prevenzione della condizione che causa l’eccessivo peso, dovuto a un accumulo di tessuto adiposo.

Sponsor

O’Rourke e colleghi, nella loro indagine, hanno usato vermi Caenorhabditis elegans identificando 14 nuovi geni che favoriscono l’obesità e 3 geni che prevengono l’obesità indotta dalla dieta.

Sappiamo di centinaia di varianti genetiche che hanno maggiori probabilità di presentarsi in individui che soffrono di obesità e altre malattie. Ma più probabilità di presentarsi non significa causare la malattia“; ha affermato O’Rourke, che è ricercatrice del Dipartimento di Biologia e il Dipartimento di Biologia Cellulare presso l’Università della Virginia, Charlottesvill.

Cancro al colon, il legame con l’obesità

Questa incertezza – continua l’autore – è una grande barriera per sfruttare il potere della genomica della popolazione per identificare gli obiettivi per trattare o curare l’obesità. Per superare questa barriera, abbiamo sviluppato una sequenza automatizzata per testare simultaneamente centinaia di geni per un ruolo causale nell’obesità. La nostra prima serie di esperimenti ha scoperto più di una dozzina di geni che causano e tre geni che prevengono l’obesità”.

Scoperti 17 geni nuovi di cui 3 ostacolano l’obesità

Questo modello di obesità, accoppiato all’automazione e all’apprendimento automatico supervisionato, ha permesso loro di scoprire incredibilmente che bloccare l’azione dei tre geni che hanno impedito ai vermi di diventare obesi, li ha anche portati a vivere più a lungo e ad avere una migliore funzione neuro-locomotoria.

Nella ricerca, pubblicata sulla rivista PLoS Genetics, il team scrive:

“Più lavoro deve essere fatto, naturalmente. Ma gli indicatori sono incoraggianti. Per esempio, bloccando l’effetto di uno dei geni nei topi di laboratorio si è impedito l’aumento di peso; migliorato la sensibilità all’insulina e abbassato i livelli di zucchero nel sangue. Questi risultati – più il fatto che i geni in studio sono stati scelti perché erano associati all’obesità negli esseri umani – fanno ben sperare che i risultati saranno validi anche nelle persone”.

Sono esattamente il tipo di benefici che gli sviluppatori di farmaci sperano di ottenere dai farmaci antiobesità.