Vincent Van Gogh: una vita tra tormento e visioni

160
Vincent Van Gogh: una vita tra tormento e visioni
Alcuni mesi dopo aver dipinto Notte stellata, nelle lettere di Van Gogh a suo fratello Theo, scrive: Perché, mi dico, le macchie di luce nel firmamento dovrebbero essere meno accessibili per noi delle macchie nere sulla mappa della Francia? Così come prendiamo il treno per andare a Tarascon o a Rouen, prendiamo la morte per andare verso una stella".

La vita di Vincent Van Gogh, fu un altalenarsi di forti emozioni e di stati umorali. Rispetto a quanto si possa immaginare, iniziò a dipingere piuttosto tardi, quando, con l’emergere della sua stessa personalità, dipinse le opere “nere” del periodo olandese cui, molto noto, è il quadro “Mangiatori di patate” – 1885.

Mangiatori di patate Van Gogh 1885

Trasformerà – in un tratto peculiare e diversamente aggressivo della sua pittura – questa sua caratteristica in un’esplosione di colori, dopo essersi trasferito a Parigi, (1886).

La sua vita, che si potrebbe definire, una sorta di bruciante meteora, darà all’artista la possibilità di dipingere qualcosa come circa 640 opere di alto livello, prima di morire suicida, o comunque consunto dalle sue ossessioni e dal massacrante lavoro che si è autoimposto.

Molti furono i quadri che in ogni “sentire” raffigurarono l’apoteosi di un animo tormentato…  eppure, tra quelli che maggiormente rappresentano l’apice della sua conversione artistica (secondo studiosi e critica), emblematico è il dipinto La notte stellata, 1889.

Sponsor
Vincent Van Gogh: una vita
Vincent Van Gogh: una vita tra tormento e visioni – la notte stellata 1889 – Museum of Modern Art di New York

Ampiamente acclamato come il magnum opus di Van Gogh, questo quadro con le stelle notturne, raffigura la vista fuori dalla finestra della sua stanza del sanatorio di notte. Anche se è stato dipinto a memoria, durante il giorno.

La Notte stellata, rappresenta un’interpretazione onirica dell’ampia vista di Saint-Rémy-de-Provence dalla stanza del manicomio dell’artista. Sebbene Van Gogh abbia rivisitato questa scena nelle sue opere in diverse occasioni, “Notte stellata” è l’unico studio notturno della vista. Così, oltre alle descrizioni evidenti nella miriade di lettere che scrisse a suo fratello Theo, offre un raro sguardo notturno su ciò che l’artista vede durante il periodo d’isolamento.

Vincent Van Gogh: una vita in una fusione cosmica

Attraverso la finestra con le sbarre di ferro posso distinguere un quadrato di grano in un recinto. Sopra il quale al mattino vedo l’alba nella sua gloria”.

Vincent Van Gogh maggio del 1889.

Un cataclisma da fine del mondo invade la Notte stellata di Van Gogh; una sorta di apocalisse piena di aeroliti, che si sciolgono, come comete alla deriva. Si ha l’impressione che l’artista abbia riversato il suo conflitto interiore su una tela.  Il tempo sembra fermarsi in un’enorme fusione cosmica. L’unica eccezione è il villaggio in primo piano con i suoi elementi architettonici.

L’artista sta guardando un villaggio da un punto di vista immaginario. È incorniciato dai suoi motivi, appena scoperti. A sinistra un cipresso svetta verso il cielo, a destra un gruppo di ulivi si raggruppa nella nuvola, e contro l’orizzonte corrono le onde ondulate delle Alpilles.

Il modo in cui Van Gogh tratta i suoi motivi, suggerisce associazioni con i vari elementi della natura: il fuoco, la nebbia e il mare, e la potenza elementare della scena naturale si combina con l’intangibile dramma cosmico delle stelle. L’eterno universo naturale culla l’insediamento umano in modo idilliaco, ma lo circonda anche minacciosamente.

Il villaggio stesso potrebbe essere ovunque, Saint-Remy o Nuenen richiamato in uno stato d’animo notturno. La guglia della chiesa sembra protendersi negli elementi, allo stesso tempo un’antenna e un parafulmine, come una specie di torre Eiffel di provincia (il cui fascino non è mai stato lontano dai notturni dell’artista). Le montagne e gli alberi di Van Gogh (in particolare i cipressi) erano stati “appena scoperti” ma sembravano scoppiettare di una carica elettrica.

***

Fiducioso di aver colto il loro aspetto naturale, il pittore si accinge a un reiterato simbolismo. Insieme al firmamento, questi elementi del paesaggio glorificano alla “Creazione” in questo quadro.

Van Gogh sottolinea vari elementi nella stesura della composizione. In primo luogo, la sua sintesi di motivi rappresenta l’eco del lavoro e della collaborazione con Gauguin, a seguito della fine dei rapporti tra loro. La scena delle stelle notturne, offre all’immaginazione visiva il suo più caratteristico, unico campo di attività, poiché la mancanza di luce richiede l’uso compensativo della memoria visiva. Van Gogh ha usato il metodo della memoria nella sua scena notturna; la scoperta del potere luminoso dell’oscurità, fu una conquista estetica personale e non aveva bisogno, come un tempo, di Gauguin che facesse da catalizzatore.

In secondo luogo, l’artista attinge al suo modello perduto da qualche tempo, Eugène Delacroix, e al principio del contrasto; una volta che si fermò a riflettere su ciò che aveva raggiunto, trovò un richiamo all’immagine e alle tecniche coloristiche che lui stesso aveva sviluppato fino ad allora. In terzo luogo, stava cercando l’essenza del paesaggio, il suo stesso essere. Un modo di registrare il suo potere simbolico, la sua vitalità, il suo flusso e la sua costanza, tutto in uno.

***

Le interpretazioni di questo quadro di stelle notturne di Van Gogh sono molteplici. Alcuni sostengono che è un resoconto perfettamente realistico della posizione delle stelle nel giugno 1889. Questo, inutile dirlo, è perfettamente possibile. Ma le linee tortuose e a spirale non hanno niente a che vedere con l’aurora boreale o la Via Lattea o qualche nebulosa a spirale o altro come è stato accennato da qualcuno più volte. Altri dicono che Van Gogh stava esprimendo un Getsemani personale; con riferimento alla discussione che Cristo ebbe sul Monte degli Ulivi.

Anche questo può essere vero. Non a caso è possibile che nel quadro si snodino premonizioni di sofferenze future. Ma l’allegoria biblica è presente in tutta l’opera di van Gogh, ed egli non aveva bisogno di un motivo speciale, tanto meno di un cielo stellato, con tutte le sue associazioni di Arles e visioni utopiche.

Piuttosto, van Gogh stava cercando di riassumere. Un concetto di sintesi. Il suo curriculum giustapponeva elementi naturali, scientifici, filosofici e personali. Notte stellata è un tentativo di esprimere uno stato di shock, nei cipressi, negli ulivi e nelle montagne che avevano agito come catalizzatore per l’artista.

Più intensamente, Van Gogh era interessato all’attualità materiale dei suoi motivi tanto quanto alle loro dimensioni simboliche.

Anche nel periodo di Arles c’erano state delle colline, naturalmente. Ma esse entravano nelle sue scene panoramiche come tocchi idilliaci. I suoi paesaggi includevano il raccolto, i treni che passavano, le cascine isolate e le città lontane; e le colline erano semplicemente un dettaglio in più.

***

Ad Arles, il sogno di Van Gogh era stato l’armonia delle cose e le dimensioni spaziali in cui la stessa poteva essere sentita. Niente di tutto ciò è rimasto. Le colline che si alzavano ripide e brusche ora, con atto intimidatorio, minacciano di trascinare l’anima solitaria giù in profondità vertiginose. Nell’abisso.

Anche se Van Gogh ha venduto un solo quadro in tutta la sua vita, La notte stellata è un’icona dell’arte moderna, ed è salita all’apice delle conquiste artistiche. La Monna Lisa dei nostri tempi. Come Leonardo da Vinci ha evocato un ideale rinascimentale di serenità e autocontrollo, Van Gogh ha definito il modo in cui vediamo la nostra epoca – afflitta da solitudine e incertezza. Dal 1941 Notte stellata fa parte della collezione permanente del Museum of Modern Art di New York.

Alcuni segreti di questo dipinto “Notte stellata” di Vincent van Gogh

Vincent Van Gogh dipinse “Notte stellata” nel 1889 da una stanza del manicomio di Saint-Remy, dove si stava riprendendo dai disturbi mentali e dall’amputazione dell’orecchio dovuto alle tensioni e al litigio con Paul Gauguin.

Van Gogh ha dipinto la vista dalla sua finestra rivolta a est nel manicomio 21 volte. Anche se la serie raffigura varie ore del giorno e della notte e diverse condizioni atmosferiche, tutte le opere includono la linea delle colline in lontananza. Nessuna mostra le sbarre della finestra della sua stanza.

L’artista considerava “La notte stellata”, che un giorno sarebbe stata tra le sue opere più famose, un fallimento, secondo quanto scrisse a suo fratello.

Il fisico Jose Luis Aragon paragonò il gioco turbolento di luce e buio in opere come “La notte stellata” all’espressione matematica della turbolenza in eventi naturali come vortici e correnti d’aria. Trovò che combaciavano molto bene. Altri due dipinti del 1890, Campo di grano con corvi e Strada con cipresso e stella presentano anche questo parallelo matematico. Aragon suggerisce che poiché Van Gogh ha creato queste particolari opere d’arte, durante periodi di estrema agitazione mentale, questi era in grado di comunicare accuratamente e unicamente quell’agitazione, usando precise gradazioni di luminescenza.

***

Gli analisti di “Notte stellata” rilevano il simbolismo del cipresso stilizzato in primo piano, collegandolo alla morte e all’eventuale suicidio di Van Gogh. Tuttavia, il cipresso rappresenta anche l’immortalità. Nel dipinto, l’albero raggiunge il cielo, utilizzandolo come una connessione diretta tra la terra e il cielo. L’artista potrebbe aver fatto una dichiarazione di speranza più di quanto molti gli attribuiscano. Questa interpretazione positiva del simbolismo del cipresso, rimanda a una lettera al fratello in cui l’artista paragonava la morte a un treno che viaggia verso le stelle.

Nel suo libro del 2015, “Cosmographics”, Michael Benson sostiene che l’ispirazione dietro i caratteristici vortici nel cielo della “Notte stellata” di Van Gogh sono un disegno del 1845 dell’astronomo William Parsons, conte di Rosse, della Galassia Whirlpool.

La ricerca ha confermato che la stella mattutina dominante nel dipinto è in realtà Venere, che era in una posizione simile al tempo in cui Van Gogh stava lavorando a “Notte stellata”, e avrebbe brillato intensamente, proprio come Van Gogh l’ha dipinta.

La luna nel dipinto non sarebbe stata in fase di mezzaluna come mostrato al momento in cui Van Gogh dipinse “Notte stellata”. In realtà, sarebbe stata gibbosa, o circa tre quarti piena.

Il patologo Paul Wolf ha postulato nel 2001 che la passione dell’artista per il giallo in dipinti come “La notte stellata” era dovuta all’assunzione eccessiva di un farmaco utilizzato per il trattamento (ai suoi tempi) dell’epilessia. 

Leggi anche: Il Buffo pittore dell’Arte fiamminga del ‘500Giorgio De Chirico: una natura inquietante

Tutta la biografia dell’artista.Vincent Van Gogh: una vita