Vincenzo Paduano

Vincenzo Paduano condannato all’ergastolo

Condannato all’ergastolo Vincenzo Paduano, ha bruciato l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio il 29 maggio 2016, in una strada alla periferia di Roma. Per la Cassazione 30 anni sono pochi per un delitto così efferato.

Ergastolo per Vincenzo Paduano

Ergastolo per omicidio e stalking, è la sentenza inflitta dalla corte d’Appello di Roma nei confronti di Vincenzo Paduano. L’uomo ha ucciso e dato alle fiamme l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio il 29 maggio del 2016 in via della Magliana a Roma. Nello scorso aprile la Cassazione ha infatti ordinato un nuovo processo ritenendo il reato di stalking non assorbito da quello di omicidio. Come invece fatto dai giudici d’Appello che avevano portato a 30 anni la pena per l’uomo, in primo grado condannato al carcere a vita. Una storia raggelante, resa ancor più drammatica dal fatto che il corpo carbonizzato è stato ritrovato dalla madre della vittima. Un delitto talmente cruento da fare esclamare a Luigi Silipo, comandante della Squadra Mobile di Roma:

“Mai visto un delitto cosi’ efferato”

Reo confesso l’ex fidanzato Vincenzo Paduano, vigilantes di 27 anni, che non accettava la fine della loro storia.

La ricostruzione in un documentario

Questa drammatica vicenda è diventata anche un documentario intitolato “Sara”, scritto da Daniele Autieri, Stefano Pistolini e Giuseppe Scarpa e prodotto da Discovery Italia. La ragazza quella sera esce con il nuovo compagno Alessandro, Al momento di rientrare a casa Sara manda un sms alla mamma, che l’aspettava a casa. Sara però è seguita dall’ex, ed è aggredita, tramortita, strangolata e bruciata. A ricostruire la vicenda oltre alla madre di Sara, Concetta Raccuia, una serie di interviste inedite alle amiche della vittima e al fidanzato, Alessandro Giorgi. Infatti il docufilm ricostruisce i fatti e cerca di individuare le cause di questa epidemia di violenza sulle donne. Una settimana prima del delitto, l’ex fidanzato, l’assassino, ha visto la giovane baciare il nuovo compagno, Alessandro. Questo è bastato a far precipitare la situazione fino ad arrivare al delitto.

error: Content is protected !!